Mark Wahlberg dalle passerelle in slip ai Wahlburgers

VITE EXTRAORDINARIE

Mark Wahlberg dalle passerelle in slip ai Wahlburgers

Nato a Boston, ultimo figlio di nove fratelli, Mark Wahlberg, l’uomo tutto un pezzo, capì subito che la sua strada portava dritta verso il mondo dello spettacolo.

 

Con lo pseudonimo, poco “pseudo”, di Marky Mark, fondò giovanissimo il gruppo rap “Marky Mark & The Funky Bunch", con l’obiettivo di seguire le orme del fratello Donnie, già membro dei “leggendari” “New Kids on The Block”.

 

La carriera musicale non fu però il trampolino di lancio che Mark sognava: le porte del successo planetario gli saranno spalancate invece da un paio di mutande. Attenzione, non certo delle mutande qualsiasi: un paio di boxer firmati da Calvin Klein, con un Wahlberg intento a stringere i genitali con la mano destra, accoccolato ad una certa Kate Moss, di cui probabilmente avrete sentito parlare...

 

Siamo negli anni ’90 e la campagna di cui sopra segnerà un’epoca, proiettando Mark nell’olimpo della moda, permettendogli di diventare uno dei modelli più pagati del globo. Ma, nonostante la fama, l’irrequieto Mark Wahlberg decide di passare al cinema. L’immagine da macho superdotato che gli era rimasta appiccicata addosso grazie alla campagna di Calvin Klein gli permette di entrare ad Hollywood dalla porta principale.

 

Dopo alcuni titoli tra cui “The basketball diaries“, in compagnia di un giovane Leo Di Caprio, arriva la grande occasione, nel segno di Sex (tanto), drugs (immancabili), e rock’n’roll (la colonna sonora perfetta).

 

Boogie Nights“, di P. T. Anderson, ispirato alle storie di tante pornostar maschili, trova il suo punto di forza nei riferimenti a “Mr. 35cm”, il leggendario John Holmes interpretato da Mark. Il momento indimenticabile della performance di Marky? La scena finale, in cui compare un membro enorme, visibilmente posticcio e appiccicato alla meno peggio. Mentre fioccano i paragoni proprio con John Holmes, cocainomane, sessuomane e sospetto omicida, il buon Mark decide di andare oltre.

Da qui in poi la sua carriera prende un’altra strada. I suoi ruoli sono tutti pieni di energia, muscoli, passione per la vita e, da buon cattolico, amore per la famiglia. Dopo il successo della serie “Entourage”, vagamente ispirata alle esperienze dello stesso Mark da giovane, arriva “The Wahlburgers” che riunisce quasi tutta la famiglia intorno al fratello Paul, per aiutarlo con il suo ristorante.

 

Non un locale come tanti, ma veramente speciale, un po’ come tutta la famiglia Wahlberg.

Dalle strade di Boston un invitante odore di hamburger comincia a diffondersi in tutta Italia. Riuscirà mamma Alma a mettere d’accordo i tre fratelli Wahlberg ed evitare il peggio?

X